D.LGS 231/2001 – BANCA: VIGILANZA DEL COLLEGIO SINDACALE

Nelle Banche sarà il Collegio sindacale a svolgere le funzioni ordinarie dell’organismo di vigilanza previsto dal D.Lgs. 231/2001.
Solo in presenza di particolari e motivate esigenze leBanche potranno affidare queste funzioni ad un apposito organismo.
La previsione ècontenuta nelle nuove disposizioni di vigilanza sul sistema dei controlli interni, poste in consultazione da Banca d’Italia.

IVA PER CASSA: PRONTE LE NUOVE REGOLE

 Il nuovo decreto con le regole di attuazione della nuova Iva per cassa è in fase di definizione.
Il documento dovrebbe vedere la luce entro il prossimo 11 Ottobre.
La soglia di accesso al nuovo regime è stata fissata in un volume di affari non superiore a due milioni di Euro (contro gli attuali 200 mila Euro).
Il nuovo regime si caratterizza come un regime speciale di portata generale il cui utilizzo dovrà essere formalmente comunicato.
Il Decreto attuativo deve anche fissare la data di entrata in vigore del nuovo regime, che rileva anche in termini di abrogazione del vecchio.
Resta ferma l’applicazione ai soli rapporti business to business, ovvero alle cessione di beni e servizi effettuati nei confronti di soggetti che agiscono nell’esercizio di impresa.
Il differimento rimane escluso per le operazioni poste in essere da soggetti che si avvalgono di regimi speciali (es. agenzie di viaggio,operazioni che assolvono l’imposta in regime di reverse charge).

AGENTI IN ATTIVITA’ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: NUOVE REGOLE PER LO SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITA’

Gli agenti in attivita’ finanziaria e i mediatori creditizi, iscritti prima del 30 Giugno 2011 negli Albi tenuti dalla Banca d’Italia, per poter continuare a svolgere la propria attività sono tenuti a chiedere, entro il 31 Ottobre 2012, l’iscrizione dei nuovi elenchi gestiti dall’O.A.M. (Organismo Agenti e Mediatori).
Non è infatti previsto alcun passaggio automatico tra i vecchi Albi e i nuovi.
I vecchi iscritti sono esonerati dalla prova di esame se hanno effettivamente esercitato l’attività per almeno tre anni nell’ultimo quinquennio, percependo compensi per questa attività non inferiori a 5 mila Euro su base annua.
Per l’iscrizione è necessaria la registrazione presso l’apposita sezione del sito dell’Organismo (www.organismo-am.it), dotarsi della firma digitale e di una casella di posta elettronica certificata (PEC).
E’ previsto il pagamento di un contributo di iscrizione e di un contributo annuale, il cui importo sarà determinato dall’Organismo entro il 30 Settembre di ogni anno.